This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.

ItalianITEnglish (UK)Frenchfr-FRSpanishES

Giovedì, 09 Luglio 2015 18:58

Master di Arti in Liturgia di Sr. M. Anthony Basa In evidenza

Sr. Mary Anthony Basa, PDDM, dopo aver raggiunto i requisiti richiesti ha ottenuto il Master di Arti in Liturgia presso il Graduate School of Liturgy, San Beda College, di Manila nel giugno 2015. Sr. M. Anthony ha presentato un elaborato dal titolo “Recuperare il potere di trasformazione del silenzio nella celebrazione liturgica, come strumento per la Nuova Evangelizzazione”. La Dr. Josefina M. Manabat, EdD, SLD, ha guidato la stesura del progetto.


Il lavoro è diviso in 4 parti e tratta i seguenti temi: il silenzio nelle Scritture e in altri documenti della Chiesa, momenti designati di silenzio nell’Ordinamento Generale del Messale Romano, il potere trasformante del silenzio e strumento per la Nuova Evangelizzazione.
In esse Sr. M. Anthony presenta anche le sue raccomandazioni e le sue proposte.

Dal suo lavoro:
L'attuale stile di vita è caratterizzato da una tecnologia veloce ed avanzata, e un ampliamento delle frontiere della conoscenza e dei social networking. Questa cultura moderna ha fortemente influenzato le relazioni umane e gli stili di vita, e ha drasticamente cambiato il modo di guardare il mondo, il modo in cui le persone vedono e si riferiscono a Dio ed esprimono la loro fede. I fracassi e la complessità caotica delle relazioni umane e istituzionali il culto difficile e disagevole. Proprio come le persone perdono gradualmente la loro identità come comunità, così anche la comunità di fede perde la sua identità.
Questo torrente in piena di cambiamenti ha spazzato via il patrimonio comune di molte tradizioni, pratiche e ricordi, compreso la pratica del silenzio. Sta anche lentamente scomparendo il valore del pasto in famiglia (evocativo del pasto eucaristico), dove i membri condividono le esperienze della loro giornata, le gioie e gli insuccessi. L'attuale generazione ha difficoltà a sentire e ascoltare con il cuore, perché nei momenti fra le attività, le loro orecchie sono tappati con gli auricolari ascoltando tutti i tipi di suoni, notizie e musica. Il silenzio è diventato una perdita di tempo e uno spazio minaccioso di ascolto di se stessi.
Questa è la ragione perché la Chiesa vuole che si recuperi e invita a momenti di silenzio nella vita quotidiana, e soprattutto durante la celebrazione eucaristica. Si tratta di un silenzio attivo, partecipativo, che trasforma. È nel silenzio del proprio cuore che si può sentire la voce e la volontà di Dio. Qui ci fa eco la storia della Famiglia Paolina, che nasce dal silenzio orante di Don Alberione davanti al Santissimo Sacramento nella Cattedrale di Alba, Italia, nella notte che separava il 19° dal 20° secolo. Ricordiamo che il primo mandato del Fondatore alle prime suore della congregazione delle Pie Discepole del Divin Maestro è stato: "Silenzio, silenzio, silenzio ..."

Letto 4786 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.