This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.

ItalianITEnglish (UK)Frenchfr-FRSpanishES

Lunedì, 17 Aprile 2017 06:39

50 anni di consacrazione religiosa di Suor Paulina Matamala In evidenza

"Mi riempie di gioia il Signore la mia anima esulta nel mio Dio"

Il 25 marzo 2017, nella solennità dell'Annunciazione della Vergine Maria, nella Cappella Divin Maestro a Santiago, Suor M. Paulina Matamala ha celebrato 50 anni della sua consacrazione religiosa.

Nella celebrazione hanno partecipato le sue consorelle della delegazione Cile, la sua famiglia, gli amici del Divin Maestro e altri membri della Famiglia Paolina, amici e fedeli che frequentano la cappella, e i sacerdoti che hanno accompagnato la sorella nella sua vita spirituale. Don Roberto Valderrama, ha presieduto la celebrazione con P. Edgardo Ojeda e P. Felipe Pardo come concelebranti.
Ha fatto seguito un allegro momento di condivisione semplice e fraterna.

Sr. M. Pauline così racconta:
Con gioia ringrazio il Signore per la Sua infinita misericordia e amore che mi ha donato nella vita come Pia Discepola del Divin Maestro, per la sua chiamata e tutte le grazie che mi ha dato in questi 50 anni di vita consacrata.
Non ho mai pensato alla vita religiosa come opzione di vita.
Un pomeriggio, leggendo una rivista sulla Congregazione, ho pensato: le sorelle pregano, hanno la santa messa tutti i giorni, quando vogliono si confessano, pregano e assistono i sacerdoti nelle loro necessità.
il 6 gennaio 1964 a 25 anni sono entrata nella Congregazione.
Ho fatto il noviziato a Cordoba, Argentina e la aprima professione insieme alle mie compagne il 25 marzo del 1967. Era il giorno di Pasqua. Ho ricevuto il nome di Maria Paulina. È stata una bella festa che ricordo sempre con amore e gratitudine a Gesù.

In questi 50 anni di vita consacrata ho servito il Signore nei vari servizi affidatimi dalla comunità. Sono cresciuta in disponibilità e li ho eseguiti con amore, in libertà interiore, nel servire con gioia le sorelle e altre persone che ho potuto ascoltare e aiutare. La grazia del Signore mi ha sempre sostenuto in tutto. Chiedo scusa a Lui, alle mie consorelle, alla mia famiglia e a tutte le persone che hanno atteso il mio servizio, per tutto quello che non ho fatto secondo la sua volontà.
Grazie Gesù; Grazie sorelle della mia comunità! Ringrazio la mia famiglia, e tutti voi che condividete con me oggi il mio rendimento di grazie al Signore per il suo amore per me.

Letto 148 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.